Castelporziano per la Biodiversità, 30 anni dopo Rio

A nome del Presidente Corrado De Concini e della Direttrice della Tenuta presidenziale di Castelporziano Giulia Bonella, si è lieti di trasmette il programma dell’incontro “Castelporziano per la Biodiversità, 30 anni dopo Rio” che avrà luogo il 3 giugno 2022 alle ore 15.30 presso la Tenuta presidenziale di Castelporziano, nel quadro di una più ampia manifestazione dedicata al trentennale del Summit della Terra di Rio e al cinquantennale dalla Conferenza su uomo e ambiente delle Nazioni Unite di Stoccolma.

Si potrà seguire l’evento in diretta streaming sul canale YouTube della Presidenza della Repubblica.

Segui la diretta da Castelporziano

Link diretto Canale Youtube

LifeWatchPlus Bando per assegno di ricerca “Armonizzazione dei dati sui tratti morfo-funzionali del fitoplacton” Unisalento

L’università del Salento ha pubblicato un bando per un assegno di ricerca dal titolo “Armonizzazione ed analisi dei dati sui tratti morfo-funzionali e sull’organizzazione delle corporazioni fitoplanctoniche” – nell’ambito di LifeWatch Italia e dei progetti PON LifeWatchPLUS e CIR01_00028_468033 (referente scientifico Prof. Alberto Basset).

Scadenza il 06/06/2022.

Requisiti minimi di ammissione:

1) diploma di laurea (corso di studi di durata non inferiore a 4 anni, previsto dagli ordinamenti didattici previgenti al D.M. 03/11/1999, n. 509), la laurea specialistica (art. 3, comma 1, lettera b, D.M. 03/11/2009, n. 509), la laurea magistrale (art. 3, comma 1, lettera b, D.M. 22/10/2004, n. 270) in biologia, fisica, scienze chimiche, scienze della natura, scienze e tecnologie forestali ed ambientali, scienze e tecnologie geologiche, scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, matematica, scienze statistiche.

La Commissione giudicatrice ai soli fini della selezione per la quale è stata costituita riconosce l’equipollenza del titolo di studio (laurea e/o dottorato di ricerca) conseguito all’estero.

Titoli valutabili:

1. Comprovate conoscenze delle teorie ecologiche a livello di comunità ed ecosistema.

2. Esperienza di ricerca in ambito dell’ecologia del fitoplancton e partecipazione/direzione di progettualità competitive su temi strettamente correlati a quelli del bando;

3. Conoscenza di archivi digitali ad accesso aperto per i prodotti della ricerca (pubblicazioni, dati, software, ecc.) e conoscenza del paradigma dell’OpenScience (https://ec.europa.eu/research/openscience/index.cfm) e dei principi FAIR (https://www.gofair.org/fair-principles/);

4. Conoscenza delle procedure per l’armonizzazione di dati e metadati, nonché dei principi e delle tecnologie di validazione per controllare e/o dichiarare la conformità dei dati e metadati armonizzati rispetto alle specifiche applicabili;

5. Conoscenza delle principali tecniche di analisi statistiche e di modellizzazione.

6. Conoscenza della lingua inglese, scritta e parlata.

Saranno inoltre oggetto di valutazione:

a) conoscenze/competenze specialistiche possedute e rilevanti ai fini del conseguimento degli obiettivi che l’Infrastruttura di Ricerca intende conseguire.

b) attinenza dell’attività svolta negli ultimi 2 anni con le aree prioritarie individuate nell’ambito della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (SNSI) e della programmazione ministeriale per la ricerca nel periodo 2014-2020;

c) pregresse collaborazioni con istituzioni scientifiche pubbliche e private.

Foto di NOAA su Unsplash

XXVI Congresso dell’Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia

Il XXVI Congresso dell’Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia si terrà a S. Michele all’Adige dal 27 giugno al 1° luglio, e ospiterà una sessione speciale dal titolo “Visione multidisciplinare e trans-ecodominio per la gestione e il controllo delle specie aliene invasive“.

Alla sessione si può partecipare inviando un abstract per contributo orale o poster con le modalità indicate al seguente link http://www.aiol.info/seconda-circolare-xxvi/

Sarà possibile partecipare anche da remoto.

Per ulteriori e sempre aggiornate informazioni consultare il sito dell’AIOL http://www.aiol.info/

Photo by Richard James on Unsplash

LifeWatchPlus Bando per assegno di ricerca “risorse biologiche marine” Unisalento

L’università del Salento ha pubblicato un bando per un assegno di ricerca dal titolo “Armonizzazione, gestione ed analisi modellistica dei dati nazionali sulle risorse biologiche marine per la valutazione del capitale naturale marino” nell’ambito di LifeWatch Italia e dei progetti PON LifeWatchPLUS e CIR01_0028 (Responsabile scientifico Prof. Alberto Basset).

Scadenza il 02/04/2022.

Requisiti minimi di ammissione:

1) diploma di laurea (corso di studi di durata non inferiore a 4 anni, previsto dagli ordinamenti didattici previgenti al D.M. 03/11/1999, n. 509), la laurea specialistica (art. 3,  comma 1, lettera b, D.M. 03/11/2009, n. 509), la laurea magistrale (art. 3, comma 1,  lettera b, D.M. 22/10/2004, n. 270). La Commissione giudicatrice ai soli fini della selezione per la quale è stata costituita riconosce l’equipollenza del titolo di studio (laurea e/o dottorato di ricerca) conseguito all’estero.

2) Dottorato di ricerca su tematiche coerenti con quelle del bando o laurea magistrale o equivalente o equipollente in biologia, fisica, scienze chimiche, scienze della natura, scienze e tecnologie forestali ed ambientali, scienze e tecnologie geologiche, scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, matematica, scienze statistiche con almeno tre  anni di comprovata esperienza di ricerca su tematiche coerenti con quelle del bando in attività svolta nelle aree prioritarie individuate nell’ambito della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (https://bit.ly/2ULo25M) e della programmazione del MUR per la ricerca nel periodo 2014-2020.

Titoli valutabili:

1. Comprovate conoscenze delle teorie ecologiche a livello di comunità ed ecosistema e degli approcci statistici e modellistici per l’analisi e la quantificazione dei servizi ecosistemici e della loro variazione temporale;

2. Esperienza pluriennale di ricerca in ambito del tema di ricerca proposto;

3. Esperienza comprovata nella partecipazione/direzione di progettualità competitive su temi strettamente correlati a quelli del tema di ricerca proposto;

4. Conoscenza di archivi digitali ad accesso aperto per i prodotti della ricerca (pubblicazioni, dati, software, ecc.) e conoscenza del paradigma dell’Open Science (https://ec.europa.eu/research/openscience/index.cfm) e dei principi FAIR (https://www.go-fair.org/fair-principles/), con particolare riferimento a quelli coerenti con il tema specifico della ricerca in oggetto;

5. Conoscenza delle procedure per l’armonizzazione di dati e metadati, nonché dei principi e delle tecnologie di validazione per controllare e/o dichiarare la conformità dei dati e metadati armonizzati rispetto alle specifiche applicabili;

6. Conoscenza delle principali tecniche di analisi statistiche e di modellizzazione;

7. Conoscenza della lingua inglese scritta e parlata.

Saranno inoltre oggetto di valutazione:

a) conoscenze/competenze specialistiche possedute e rilevanti ai fini del conseguimento degli obiettivi che l’Infrastruttura di Ricerca intende conseguire;

b) attinenza dell’attività svolta negli ultimi 2 anni con le aree prioritarie individuate nell’ambito della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (SNSI) e della programmazione ministeriale per la ricerca nel periodo 2014-2020;

c) pregresse collaborazioni con istituzioni scientifiche pubbliche e private.

*Photo by Hoodh Ahmed on Unsplash

Monitorati i cambiamenti di 12 specie di uccelli acquatici

Le popolazioni di aironi e garzette nell’Italia nord-occidentale sono aumentate notevolmente dal 1972 al 2000, ma poi la tendenza positiva ha iniziato a invertirsi. A questa conclusione giunge un lavoro di monitoraggio durato 50 anni sulle popolazioni riproduttive di 12 specie di uccelli acquatici coloniali (Famiglie Ardeidae, Phalacrocoracidae, Plataleidae, Threskiornithidae) nell’Italia Nord-occidentale su un’area di 58.000 km2, diventando così il più lungo censimento delle popolazioni di uccelli in Italia e tra i più lunghi di tutta Europa. Dato che i loro principali habitat di foraggiamento sono le risaie, osservano gli esperti dell’Università di Pavia e del CNR-IRSA e delle altre istituzioni che hanno collaborato al programma, i cambiamenti nelle pratiche di coltivazione del riso potrebbero aver influenzato la diminuzione delle popolazioni riproduttive.

Il dataset è stato depositato e metadatato sul nostro portale nel rispetto degli standard internazionali per una scienza FAIR (Findable, Accessible, Interoperable, Reusable).

LifeWatchPlus Bando per borsa di ricerca “fundraising” Unisalento

L’università del Salento ha pubblicato un bando per una borsa di ricerca dal titolo “Analisi delle fonti nazionali ed internazionali di finanziamento dell’Hub nazionale su biodiversità ed ecosistemi” nell’ambito di LifeWatch Italia e dei progetti PON LifeWatchPlus e CIR01_0028 (referente scientifico Prof. Alberto Basset).

Scadenza il 17-01-2022.

Per la partecipazione al concorso i candidati dovranno soddisfare, pena l’esclusione, i seguenti requisiti:

a. il possesso di un diploma di laurea conseguito presso una Università italiana o un titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto equipollente alla laurea italiana in base agli accordi internazionali, ovvero con le modalità di cui alla legge 11.07.02, n. 148, in materia di “ratifica ed esecuzione della Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all’insegnamento superiore nella Regione europea, fatta a Lisbona l’11.04.97, e norme di adeguamento dell’ordinamento interno”, in particolare: Laurea magistrale in Biologia, Scienze della Natura, Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio, Matematica, Scienze dell’Economia, Scienze della Politica, Scienze delle Pubbliche Amministrazioni, Scienze Economiche per l’Ambiente e la Cultura, Scienze Economiche-Aziendali con almeno tre anni di comprovata esperienza di ricerca su tematiche coerenti con quelle del bando in attività svolta nelle aree prioritarie individuate nell’ambito della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (https://bit.ly/2ULo25M) e della programmazione del MUR per la ricerca nel periodo 2014-2020 (https://bit.ly/2SoEZl9) anche appartenente al vecchio ordinamento o conseguito in Italia o all’estero ed equiparato/equipollente per l’accesso ai pubblici concorsi.
b. possesso della cittadinanza italiana o straniera;
c. non aver compiuto i 33 anni di età alla data di scadenza del bando;
d. possesso di un curriculum formativo, scientifico e professionale adeguato allo svolgimento dello specifico programma oggetto della ricerca.

Saranno oggetto di valutazione.
a) conocenze/competenze specialistiche possedute e rilevanti ai fini del conseguimento degli obiettivi che l’Infrastruttura di Ricerca intende conseguire;
b) attinenza dell’attività svolta negli ultimi 2 anni con le aree prioritarie individuate nell’ambito della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (SNSI) e della programmazione ministeriale per la ricerca nel periodo 2014-2020;
c) pregresse collaborazioni con istituzioni scientifiche pubbliche e private;

Inoltre saranno valutate pubblicazioni ed altra documentazione attinente con un massimo di pp. 10.

LifeWatch ERIC: opportunità di lavoro presso il Centro Servizi di Lecce

LifeWatch ERIC è alla ricerca di uno sviluppatore per il suo portale web lavorare con sede presso il Centro Servizi di Lecce  

Siete qualificati in informatica e conoscete i servizi web? Avete esperienza di lavoro con Python, Nodejs e Javascript desiderabili. Framework JAVA e PHP. Esperienza con HTML/HTML5, CSS, jQuery. Lavora con una varietà di database relazionali (MS SQL Server, Mysql, Virtuoso, Mongodb), sistemi operativi (Linux, Windows, iOS, Android) e moderni framework UI (jQuery e prodotti simili)? Avete esperienza con Github? Avete esperienza con la Docker?

Leggete qui di seguito la notizia: http://lifewatch.eu/download/34_servco_scwebportaldeveloper/

Congresso SItE 2021

Dal 25 al 27 ottobre 2021 la Società italiana di Ecologia e l’Università del Salento, con il supporto di LifeWatch Italia, organizzano a Lecce il XXX Congresso della Società Italiana di Ecologia (SItE). L’iniziativa si svolgerà tramite la piattaforma Microsoft Teams, con accesso gratuito ed iscrizione obbligatoria.

Il tema del Congresso, articolato in tavole rotonde e sessioni, sarà “Ecologia per una transizione ecologica” e affronterà le basi teoriche, sperimentali e metodologiche dell’ecologia alla luce delle sfide del Green Deal, della Transizione ecologica e degli obiettivi dell’Agenda 2030.

Alle tavole rotonde parteciperanno esperti di varie nazionalità che si confronteranno su temi importanti come la valutazione e gestione dell’impatto delle miscele chimiche sulla salute degli ecosistemi, gli ecosistemi e loro servizi per il benessere umano, la promozione della resilienza climatica attraverso teorie e applicazioni di ecologia del paesaggio.

Infine, saranno proclamati i vincitori del Premio Luigi & Francesca Brusarosco, del Premio Antonio Moroni destinati ai Giovani Ricercatori in scienze ambientali, che saranno premiati con la possibilità di soggiorni da tre a sei mesi in centri di ricerca esteri, e del Premio Giuseppe Montalenti & Riccardo Cattaneo Veietti che riconosce i membri giovani e non strutturati della Società Italiana di Ecologia.

LifeWatch per la XXX Rassegna del Mare Gallipoli, 21 – 24 ottobre 2021

Dal 21 al 24 ottobre si terrà a Gallipoli (LE) la XXX Rassegna del Mare, organizzata da MareAmico, con il patrocinio del Consiglio Nazionale delle Ricerche e la presenza di esperti, scienziati e rappresentanti dell’infrastruttura di ricerca europea LifeWatch ERIC. Il tema di questa edizione, organizzata in presenza nel rispetto delle normative antiCovid, sarà “Valorizzazione, gestione e tutela del mare”.

Articolata in varie attività, la manifestazione si pone l’obiettivo di sensibilizzare le Istituzioni (Unione Europea, Ministeri competenti, Regione Puglia ed enti locali), sull’importanza delle risorse derivanti dal mare e dalle attività ad esso collegate. Alle tavole rotonde, che si susseguiranno durante tutte le giornate della manifestazione, parteciperanno esperti di varie nazionalità, che si confronteranno sui temi e gli argomenti al centro di questa edizione. Tra i moderatori Alberto Basset, Direttore del Centro Servizi di LifeWatch ERIC e Manager della JRU di LifeWatch Italia, e membro del Comitato Organizzatore della Rassegna. Sabato 23 ottobre interverranno, nel corso della tavola rotonda “Specie Aliene: da minaccia ad opportunità, il caso di studi di LifeWatch ERIC sul granchio blu invasivo (Callinectes sapidus)”, Christos Arvanitidis, CEO di LifeWatch ERIC, e Juan Miguel González-Aranda, CTO di LifeWatch ERIC, per presentare i risultati dell’Internal Joint Initiative organizzata dall’infrastruttura proprio sul tema delle specie non indigene ed invasive.

I risultati dei lavori saranno illustrati e discussi in assemblee plenarie e in seguito elaborati dal Comitato Scientifico di MareAmico. L’obiettivo finale dei dibattiti sarà quello di elaborare un documento volto a delineare possibili soluzioni da utilizzare come base per le successive decisioni deliberative ed operative. 

Sono previste aree ludico-didattiche dedicate ai più giovani, con attività di divulgazione ed educazione ambientale, con particolare riguardo alle risorse marine e alla pesca. Ai partecipanti, ai turisti e ai curiosi che confluiranno presso gli stand sarà offerta la possibilità di assistere al rito dello sbarco del pescato, mentre i partecipanti saranno invitati a godere dello show cooking a base di prodotti ittici pugliesi.

Per informazioni: https://www.mareamico.it/